Liebster Award


liebster-ft2Sono stato nominato due volte (grazie mille a entrambi!) per i Liebster Award, un riconoscimento nato in Germania allo scopo di conoscere le piccole realtà offerte dai blog. Le regole sono semplici: bisogna ringraziare il blog da cui si è stati nominati, rispondere alle sue 10 domande, nominare a propria volta altri 10 blog che si ritengono degni di nota e porre loro le proprie 10 domande.

Queste sono le domande di Deborah Donato:

  1. Lo scrittore con cui usciresti a cena. Marcel Proust.
  2. Se fossi un personaggio letterario, saresti…. Holden Caulfield
  3. Il cibo che preferisci. Sarò banale ma… la pizza!
  4. Da quanto tempo hai un blog? Dallo scorso novembre.
  5. Cosa vedi dalle finestre di casa tua. Una piazza con fontana, alberi e panchine; una strada.
  6. A cosa serve la letteratura? Ci aiuta a vivere tenendo presente ciò che invisibile e indispensabile.
  7. Nonostante tutto, avrei preferito che quella mattina…… Continua questo incipit. Mi fossi perso per ritrovare me stesso.
  8. L’oggetto che ti è più caro. Non esiste.
  9. Cos’è la noia? L’impossibilità di individuare un desiderio.
  10. Dai un consiglio al mio blog. Un po’ di colore.

 

E queste quelle di Giacomo Massirio:

  1. Qual’è il motivo che ti ha spinto ad aprire un blog? Cosa ti aspetti? Mi piace scrivere a avevo voglia di condividere le mie passioni ed opinioni. Ho unito le due cose ed è  nato questo blog. Mi aspetto che qualcuno provi piacere a leggere quello che scrivo, o semplicemente rimanga incuriosito e trovi degli spunti.
  2. Cosa rappresenta per te il viaggio? Lo vedi necessariamente come una fuga? Per me il viaggio è crescita e riscoperta di me stesso, più che del mondo circostante. Ogni viaggio ha rappresentato per me una sorta di metamorfosi. Sì lo vedo come una fuga, ma una fuga positiva: rimanere fermi troppo a lungo è logorante. E dopo che si è fuggiti si può tornare migliori.
  3. Un posto che devi assolutamente visitare? Mi piacerebbe molto andare in Spagna e in Grecia, pur essendo vicine non le ho mai visitate. Mi aspetto vitalità e distensione.
  4. Cosa significa per te la parola “curiosità”? Entrare nelle cose.
  5. Qual’è un cibo che non hai mai assaggiato ma che ti piacerebbe provare? Les escargots, sicuramente!
  6. In quale personaggio della letteratura ti rispecchi maggiormente? Holden Caulfield (aridaje).
  7. Se potessi tornare per una volta sola indietro nel tempo, cosa faresti? Ho imparato a non rimuginare più sul passato. Sono del tutto proiettato al futuro.
  8. Qual’è un libro che ti ha profondamente cambiato? Il giovane Holden (sempre lui).
  9. Tre film che consigli di vedere? Melancholia, Oldboy, Io e Annie
  10. Cosa cerchi in una canzone? È più importante il testo o la melodia? Cerco emozione, supporto e carica. A volte ho bisogno di sentire testi ben costruiti e profondi, altre volte mi basta l’energia della melodia.
  11. Che domanda vorresti che ti facessi? E perché? Prossima domanda?

 

A questo punto nomino:

 

Ed ecco le mie domande:

  1. Chi senti di essere realmente, al di là delle etichette?
  2. In cosa credi?
  3. Parlami del tuo rapporto con la scrittura.
  4. Dove vorresti trovarti in questo esatto momento?
  5. Oltre al blog, quali mezzi usi per esprimere la tua personalità?
  6. Quanta importanza attribuisci alle persone che ti stanno intorno?
  7. Reputi più importante il pensiero o l’azione?
  8. Ti capita di confondere realtà e immaginazione?
  9. La scena di un film/libro che vorresti vivere sulla tua pelle?
  10. Sei felice?

G.

Annunci

5 pensieri su “Liebster Award

  1. Innanzi tutto permettimi di ringraziarti per questa gradita nomination e farti i complimenti per la tua nomina davvero meritata. Ho provveduto ad inserire il tuo nome nel mio blog che parla del Liebster Award. 🙂
    Se permetti rispondo qui, a casa tua. alle domande che poni:
    1) Chi senti di essere realmente, al di là delle etichette?
    Una persona semplice
    2) In cosa credi?
    Nella vita e nella gioia che mi regala vivere.
    3) Parlami del tuo rapporto con la scrittura.
    Non ho velleità in merito, non sono e non sarò una scrittrice. Il blog custodisce soltanto pensieri.
    4) Dove vorresti trovarti in questo esatto momento?
    A parlare proprio con te, seduti sulla panchina di un parco e dopo il primo momento d’inevitabile imbarazzo ridere e scherzare come fossimo due vecchi amici.
    5) Oltre al blog, quali mezzi usi per esprimere la tua personalità?
    Non conosco mezzi. Sono nella vita reale la stessa persona che emerge dal blog. La personalità segue a ruota ora l’uno ora l’altra senza stravolgimenti.
    6) Quanta importanza attribuisci alle persone che ti stanno intorno?
    Se sono familiari o persone amiche sono importanti per me. Mi interessa conoscere il loro punto di vista, la loro impressione, il loro giudizio.
    7) Reputi più importante il pensiero o l’azione?
    Entrambi, non li posso scollegare. L’azione è la conseguenza di un pensiero.
    8) Ti capita di confondere realtà e immaginazione?
    Può capitare. E’ bello dopo tanta solidità lasciarsi trasportare dal vento e finire lassù, dove volano i sogni. Magari afferrarne uno, il più bello e portarlo giù, nella realtà.
    9) La scena di un film/libro che vorresti vivere sulla tua pelle?
    Notting Hill. Per poter dire quella frase:”Sono anche una semplice ragazza che sta di fronte a un ragazzo e gli sta chiedendo di amarla”.
    10) Sei felice?
    Nelle ricette di cucina vicino alle spezie o al sale si scrive “q.b. = quanto basta”. Mi piacerebbe esserlo un pochino di più ma so perfettamente che non dipende da me ed allora quel “q.b.” ho imparato a farmelo davvero bastare.
    Ho sovvertito in qualche modo le regole, spero non me ne vorrai.
    E’ stato un piacere per me essere qui. Ti lascio un abbraccio Gianmarco.
    Ancora grazie. 😉
    Affy

    Mi piace

  2. Mi piacciono tutte e 30 le domande (sono interessanti senza essere invasive), e quindi mi permetto di rispondere.

    Lo scrittore con cui usciresti a cena. Carmine Abate.
    Se fossi un personaggio letterario, saresti…. Il protagonista de “Il ballo tondo” di Carmine Abate.
    Il cibo che preferisci. Sarò banale ma… Spaghetti all’ amatriciana.
    Da quanto tempo hai un blog? Da 6 anni.
    Cosa vedi dalle finestre di casa tua. Un giardino.
    A cosa serve la letteratura? A formare l’ uomo culturalmente, umanamente e spiritualmente. Perché la spiritualità é un fatto anche laico, non esclusivamente religioso come molti pensano.
    Nonostante tutto, avrei preferito che quella mattina…… la sveglia non suonasse.
    L’oggetto che ti è più caro. Il mio primo fumetto.
    Cos’è la noia? La mancanza di cose da dire e/o da fare.
    Dai un consiglio al mio blog. Uno sfondo meno scuro.

    Qual’è il motivo che ti ha spinto ad aprire un blog? Cosa ti aspetti? Volevo dare spazio a libri e film che hanno avuto meno successo di quanto meritassero. Mi aspetto che qualcuno, leggendo le mie recensioni, si dica “Perché no?” e dia loro una chance. : )
    Cosa rappresenta per te il viaggio? Lo vedi necessariamente come una fuga? Il viaggio é senza dubbio una fuga, lo si fa perché si vuole staccare dalla routine quotidiana. Ed é questo il motivo per cui il viaggio spesso per me rappresenta una scocciatura: amo la routine quotidiana.
    Un posto che devi assolutamente visitare? La Francia: é l’ unico grande paese europeo che non ho ancora visitato. Ah, visto che vuoi andare in Spagna, ti dò un consiglio: tra Barcellona e Madrid scegli la prima, é cento volte meglio.
    Cosa significa per te la parola “curiosità”? Voglia di saperne di più.
    Qual’è un cibo che non hai mai assaggiato ma che ti piacerebbe provare? Le rane. Un mio ex compagno di classe ne parlava in toni entusiastici, e mi ha messo, appunto, curiosità.
    In quale personaggio della letteratura ti rispecchi maggiormente? Come prima, il protagonista de “Il ballo tondo.”
    Se potessi tornare per una volta sola indietro nel tempo, cosa faresti? Andrei negli anni ’60. Chiunque abbia letto 22/11/’63 non potrà che concordare.
    Qual’è un libro che ti ha profondamente cambiato? “Rinnegata” di Lewis B. Patten. Su ebay lo trovi facilmente.
    Tre film che consigli di vedere? Ne ho nominati ben 5 in questo mio post: http://wwayne.wordpress.com/2014/02/16/capolavoro/.
    Cosa cerchi in una canzone? È più importante il testo o la melodia? In una canzone cerco rilassatezza, per questo amo molto il jazz. Sicuramente é più importante la melodia, ma solo in presenza di un buon testo si può parlare di capolavoro.
    Che domanda vorresti che ti facessi? E perché? Vorrei che tu mi chiedessi qual é il mio primo fumetto, perché ti darei una risposta poco scontata.

    Chi senti di essere realmente, al di là delle etichette? Una persona corretta.
    In cosa credi? In Dio.
    Parlami del tuo rapporto con la scrittura. E’ un modo per trasmettere i miei pensieri e le mie passioni.
    Dove vorresti trovarti in questo esatto momento? A lavorare, perché sono disoccupato.
    Oltre al blog, quali mezzi usi per esprimere la tua personalità? In passato disegnavo, ma adesso non prendo in mano una matita da anni.
    Quanta importanza attribuisci alle persone che ti stanno intorno? Moltissima. Sono selettivo riguardo alle persone che mi circondano, quindi non riuscirei a dedicare il mio tempo e le mie energie ad una persona cui attribuisco poca importanza.
    Reputi più importante il pensiero o l’azione? L’ azione.
    Ti capita di confondere realtà e immaginazione? I miei sogni sono parte, anzi un parto della mia immaginazione, ma mi capita di riflettere sui loro possibili collegamenti con la realtà.
    La scena di un film/libro che vorresti vivere sulla tua pelle? Praticamente tutte le scene de “In mezzo scorre il fiume.”
    Sei felice? Sono troppo perfezionista e ambizioso per essere felice.

    Mi piace

    • Grazie, belle risposte 🙂 a questo punto sono molto curioso di sapere qual è il tuo primo fumetto!

      Mi piace

      • Invece di un banale Topolino, partii subito con qualcosa di più “maturo”: L’ Uomo Ragno Deluxe 4, pubblicato da Panini Comics nell’ Agosto ’95. Conteneva la quarta e ultima parte di un bellissimo arco narrativo, Maximum Carnage: in età adulta recuperai anche le altre 3 parti, e adesso le tengo tutte e 4 nello scaffale riservato ai miei fumetti più belli. Grazie a te per i complimenti e per la risposta! : )

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...