Il calore stretto di un sole sulla mia schiena


“C’era un cafè, sulla quindicesima, dove andavo spesso.

Il decaffeinato non era particolarmente buono, i biscotti non erano particolarmente degni di nota, non ho ricordi precisi degli avventori, né delle persone che ci lavoravano.

Ma allora perché ci tornavo?

Credo che fosse perché esattamente dall’altra parte della strada c’era un vicolo, un vicolo stretto tra due palazzi.

Un vicolo in cui il sole d’inverno riusciva, scendendo, a infilarsi in maniera estremamente prepotente, e a raggiungere la mia schiena.

Credo che fosse solo per questo.

Per il calore stretto di un sole sulla mia schiena.

La mia prima lettura del 2017 è Il suono del mondo a memoria, graphic novel di Giacomo Bevilacqua che ritrae la singolare sfida di un fotografo tra i grattacieli di New York e le note di una vecchia canzone jazz.

Piacevole e accattivante lo stile di disegno, in particolare nella rappresentazione del paesaggio urbano; molto efficaci i colori, che richiamano le sfumature del tramonto e le sensazioni della malinconia.

La storia è semplice, minimale, ma valorizzata da un vario e potente montaggio delle tavole e dalla bellezza dei monologhi delle due voci narranti, ricchi di poesia e suggestione.

Molto consigliato agli introspettivi e ai romantici, a chi ama la solitudine ma aspira segretamente alla condivisione.

G.

Annunci

Settembre.


 

16-09-2016, Lavagna

 
Forse il mese che amo di più. 

Dopo gli esami mi sono concesso un po’ di tempo, sono andato al mare. 

Il mare a settembre: se scrivessi una lista di cose che amo, sarebbe di certo in cima alla classifica. Sarà per quell’atmosfera di tranquillità, distensione e – perché no – malinconia. Quella malinconia che in fondo mi piace provare.

Settembre è come tutte le cose che preferisco, è un po’ come me: sta in mezzo alle sfumature. 

Consuma l’estate e accenna l’autunno; sprigiona i pensieri legati al passato e volge lo sguardo al futuro, a ciò che deve iniziare. 

Quest’anno è diverso, ma settembre rimane a farmi compagnia.

G.